SocietÓ della Porta
IL PONTE - foglio d'informazione locale di Sant'Angelo Lodigiano
Anno 22 - N.6 Dicembre 2018

Fate qualcosa
per i bambini di cascina Belfuggito.
Fatelo in fretta

“Questuanti con i bambini, il problema interroga tutti” (settembre 2018). “Furti, occupazioni e il buco nero di cascina Belfuggito” (dicembre 2017). “Sicurezza e legalità, finora pochi risultati” (novembre 2017). “Tre pacchi sotto l’albero” (dicembre 2016). “Cosa succede sul Mio lungo?” (febbraio 2016). “Il degrado del Mio lungo” (febbraio 2016). Sono i titoli di sei articoli apparsi su “Il Ponte” nel corso degli ultimi tre anni e tutti dedicati alla situazione in cui versa cascina Belfuggito, da tempo ormai divenuta terra di nessuno, in cui - per stessa ammissione degli amministratori pubblici e delle forze dell’ordine - famiglie straniere con bambini convivono con criminali incalliti, in una condizione di totale abusivismo. Siamo di fronte a occupazioni illegali di immobili, a discariche a cielo aperto, a decine e decine di carcasse di auto di dubbia provenienza sgomberate mesi fa con intervento della forza pubblica, ad allacciamenti fraudolenti alla rete elettrica (un recente blitz di carabinieri e tecnici Enel ha permesso di scoprire che su 20 contatori, ben 18 erano fuorilegge). Cascina Belfuggito nel corso degli ultimi anni è divenuta pure un covo di banditi, dove nascondere refurtiva di vario genere, dai trattori alle forme di formaggio (come riportato dai quotidiani locali su comunicazione delle forze dell’ordine).
Una situazione drammatica, che si trascina da tempo, ma che soltanto negli ultimi mesi è divenuta di pubblico dominio, fuori dai confini della nostra città. Ci ha pensato il “Corriere della Sera”, lo scorso novembre, a lanciare l’allarme su un pezzo di Sant’Angelo che esula dalle leggi e dalle regole della civile convivenza. E subito dopo, un servizio su Rai Uno nel quale l’inviato ha intervistato alcuni dei residenti di Belfuggito e il sindaco Maurizio Villa, ha creato parecchio malumore. Inutile negarlo: in tanti, a Sant’Angelo, hanno contestato alla Rai di aver dato una lettura della situazione di Belfuggito fuorviante, che si discosta da quanto realmente avviene tutti i giorni.
Sui social network e nei bar c’è chi - più o meno informato sulla vicenda - si è spinto a invocare il diritto di replica, ad auspicare l’invio di una lettera di protesta a viale Mazzini o addirittura a ipotizzare che dietro l’arrivo a Sant’Angelo delle telecamere Rai ci fosse un complotto - un “trappolone” vero e proprio - contro l’attuale amministrazione comunale.
Non sappiamo con precisione perché il servizio pubblico abbia deciso di dedicare attenzione a Belfuggito, un caso che a Sant’Angel fa certamente scalpore, ma che, dobbiamo candidamente ammet-terlo, è la copia esatta di quanto avviene in molte delle nostre grandi città senza che si gridi allo scandalo.
Su una cosa vogliamo però tornare a riflettere, riallacciandoci a quanto avevamo scritto nell’editoriale dello scorso settembre. A cascina Belfuggito vivono in condizioni pietose numerosi bambini, a contatto ogni giorno con la miseria, i rifiuti, addirittura criminali incalliti se è vero che ogniqualvolta i carabinieri mettono piede in cascina scattano arresti e sequestri. Questi bambini frequentano saltuariamente le nostre scuole (e già il fatto che non ci vadano tutti i giorni non dovrebbe essere tollerabile in un paese civile), vengono portati a chiedere l’elemosina, non hanno cure sanitarie adeguate. Provate a chiedere a quanti si interfacciano quotidianamente con questa realtà, toccandola con mano, e sentirete racconti di una tristezza infinita.
Il sindaco attraverso i mezzi di comunicazione ha segnalato che il Comune non può farsi carico della situazione di tutti i minori che vivono a cascina Belfuggito perché i costi per allestire una rete di sostegno - e qualora ve ne fosse la necessità inserire i bambini in strutture protette - sarebbero troppo elevati. Non abbiamo motivo di credere che il sindaco non abbia fatto una seria riflessione sui conti pubblici, tale da portarlo a una considerazione tanto forte. Ma al tempo stesso sappiamo che in quella situazione, a Belfuggito, i bambini non ci possono più stare. Per questo dal nostro piccolo osservatorio torniamo a lanciare un appello pubblico, non solo alle istituzioni di Sant’Angelo, ma anche a quelle sovracomunali, a quelle che rappresentano lo Stato: fate qualcosa per quei bambini, fatelo in fretta.





MANGIA CHE TI FA BENE!
I mustaccioli
della Rosina

Dal 1996 al servizio dei santangiolini
Arrivati dalla Giordania attraverso un “Corridoio Umanitario”
della Chiesa Italiana, l’obiettivo è integrarli nella nostra realtà
e accompagnarli verso un futuro di autonomia

Cristiani perseguitati
ospiti a Sant’Angelo

Da fine novembre due famiglie di profughi egiziani copti accolti
dalla parrocchia nei locali dell’oratorio femminilee

Esattamente un anno fa, sul numero de “Il Ponte” di dicembre 2017, davamo notizia che la parrocchia dei Santi Antonio Abate e Francesca Cabrini aveva ultimato i lavori per realizzare tre alloggi destinati ad affrontare situazioni di emergenza e ricavati all’interno dell’oratorio femminile. Si tratta di un progetto, fortemente voluto dal parroco monsignor Ermanno Livraghi, che rappresenta un “segno caritativo” pensato in occasione dei cento anni dalla morte di Santa Francesca Cabrini. .................................................................................. ...SEGUE



L’iniziativa promossa dall’Unitre nel centenario della Grande Guerra
La pace vista dagli studenti
I concetti di guerra, vittoria, sconfitta e pace,
nelle riflessioni degli alunni santangiolini

Un progetto di alto valore educativo dal titolo Diamo più senso alla storia. La pace: unica, vera vittoria dell’umanità, quello proposto dall’Unitre di Lodi (Università delle tre età) agli insegnanti e ai loro studenti delle scuole del Lodigiano, con l’invito a una riflessione sulla Prima Guerra Mondiale.
L’iniziativa di coinvolgere gli studenti dell’anno scolastico 2017/2018 ha avuto notevoli adesioni negli istituti del territorio, compresi quelli santangiolini della Scuola Primaria “Riccardo Morzenti”, della Scuola Secondaria “Santa Francesca Cabrini” e dell’Istituto di Istruzione Superiore “Raimondo Pandini”.
Rilevante l’impegno degli alunni delle classi 2^A, 4^A, 5^B e 5^C della Scuola Primaria “Morzenti”, istituto intitolato al giovane volontario santangiolino caduto il 17 maggio 1917. Componimenti, illustrazioni e testimonianze di chi vive ancora oggi la guerra, hanno fatto riflettere gli alunni commentando “…che davvero la pace è l’unica vera vittoria…”.
Quattro le classi della Scuola Secondaria “Santa Francesca Cabrini” che hanno aderito all’iniziativa (3^A-3^B-3^C-3^D), con gli studenti intenti ad analizzare le motivazioni che portano a una guerra....................................... ...SEGUE

La POST@ de IL PONTE
- Festa della luce: poco gusto e poco rispetto!
- Via Ester Manzoni: una via dimenticata!

Sabato 8 dicembre la tradizionale cerimonia nel centro di Sant’Angelo
La Croce Bianca ringrazia
i suoi volontari

Corteo con la banda, messa e benemerenze per la Festa del milite

Ringraziamento alla Libreria Centrale e benvenuto alla Libreria Vittoria
Per molti anni la Libreria Centrale è stata un prezioso alleato de “Il Ponte”.
Al suo interno era sempre possibile trovare qualche copia del nostro foglio (servizio particolarmente apprezzato da quanti, abitando fuori Sant’Angelo, si recavano nella nostra città nei giorni di mercato per fare spesa), così come erano in vendita i libri editi dalla Società della Porta.
E ancora, era possibile lasciare in libreria lettere, contributi di vario genere, congratulazioni per lauree o traguardi importanti, che poi venivano pubblicati.
Da qualche settimana la Libreria Centrale ha chiuso i battenti e in questo frangente desideriamo ringraziare la famiglia Altrocchi per il prezioso sostegno all’informazione locale.
C’è però una bella notizia, perché a poca distanza ha aperto i battenti la Libreria Vittoria (in via Cesare Battisti 8, di fronte al castello): in momenti difficili come questo, l’apertura di una libreria rappresenta una ventata di aria fresca! Non solo: i titolari della Libreria Vittoria sono disponibili a ospitare “Il Ponte”, dunque troverete all’interno del negozio le copie del nostro foglio. Li ringraziamo in anticipo, augurando ai giovani commercianti tutto il meglio.

La Redazione de Il Ponte

Cento anni dopo la fine della guerra del ‘15-’18
A Villa Giusti per dare più senso alla Storia

Un importante riconoscimento per una santangiolina d’adozione
Tra le “donne che ce l’hanno fatta” anche la nostra Vasenka Rangu




Un simpatico racconto in dialetto
La nòsta amìša
  La nòsta amìša, quànde
la vegnèva in cumpagnìa a
giügà, l’èra una pìta invèrsa,
la se lamentèva perchè la
gh’èva fame, la fèva fadìga
a curì, l’èra stràca e la fèva
spès d’le lamentèle da tirà
šgiafàde. La fèva i dispréši a
t
ǜti. La ’ndèva ’dré ai mǜri e
la se scundèva per fas vède
no. L’èr mèi pèrdla che truàla!
.........................Piera Negri Piacentini

Prestigioso premio per Tonali
miglior giovane della serie B

Per inserzioni riguardanti: lauree, ricorrenze, pubblicità.
Tel. 0371.90.179 (ore serali) o presso Libreria Centrale in Via Umberto I.
I contributi per "Il Ponte" possono essere versati direttamente sul conto corrente 006138 Banco Popolare filiale di Sant’Angelo Lod.
Piazza Caduti IBAN: IT75 I 05034 33760 000000006138 o alla Libreria Centrale via Umberto I, 50 Sant’Angelo Lodigiano

Direttore Responsabile: Lorenzo Rinaldi
Redazione: Giancarlo Belloni - Gabriella Bracchi - Matteo Fratti
Maria Teresa Pozzi - Giorgio Mazza - Antonio Saletta
Fotografie: Emilio Battaini
Progetto Grafico: Pierino Caserini


Registrazione Tribunale di Lodi n. 271 del 22-1-1997