IL PONTE - foglio d'informazione locale di Sant'Angelo Lodigiano
Anno 18 - N. 5 Novembre 2014

Editoriale

TASSE E IMPOSTE,
NUOVA STANGATA

Sullo scorso numero de “Il Ponte”, arrivato nelle case dei santangiolini a settembre, abbiamo commentato la decisione della maggioranza di aumentare le addizionali comunali Irpef. Il provvedimento era stato approvato dal consiglio comunale a giugno per cercare di far quadrare il bilancio e, pur prevedendo un inasprimento del prelievo fiscale, manteneva aliquote differenti in base alle diverse fasce di reddito. Bene, pochi giorni dopo il nostro editoriale il quadro è cambiato nuovamente, purtroppo in peggio. La maggioranza che sostiene la giunta Crespi ha portato in consiglio comunale un nuovo aumento delle addizionali comunali Irpef. In questo caso, però, è stata fissata un’aliquota unica (0,8 per mille) e dunque sono stati eliminati gli scaglioni. Si tratta di una decisione molto forte, che mette in luce i problemi dei conti pubblici del nostro Comune. Molti cittadini, tuttavia, sembrano non capire: da un lato il Comune aumenta le imposte, dall’altro taglia i servizi, a partire dalla piscina, che questa estate per la seconda volta è rimasta chiusa.
L’aumento dell’addizionale comunale Irpef non è però l’unica brutta notizia. A fine ottobre Confartigianato Imprese della Provincia di Lodi ha pubblicato sul proprio mensile una tabella dettagliata relativa alla Tasi, la tassa per i servizi indivisibili, applicata alle categorie produttive. Dal confronto con gli altri comuni emerge che la politica fiscale di Sant’Angelo è stata piuttosto dolorosa: l’aliquota Tasi per le attività produttive è stata fissata al 2,5 per mille, la più alta in provincia di Lodi se si esclude Cornegliano Laudense. Non solo: Sant’Angelo fa parte di una decina di amministrazioni comunali che hanno deciso di applicare la Tasi anche sugli immobili invenduti. Anche in questo caso, molti cittadini faticano a comprendere. La Tasi è cara e salata, al tempo stesso servizi indivisibili quali la manutenzione delle strade e il rifacimento della segnaletica lasciano a desiderare.
Arriviamo alla Tassa rifiuti. I nostri amministratori ripetono spesso che negli scorsi anni i cittadini hanno pagato meno che in altri comuni limitrofi. E hanno ragione. Al tempo stesso, però, ci permettiamo di ricordare che nell’ultimo biennio il conto presentato ai santangiolini è diventato salatissimo. Anche in questo caso in molti non capiscono: la Tassa rifiuti aumenta, la città invece rimane sporca. L’abbandono dei rifiuti e il mancato rispetto delle regole della raccolta differenziata sono segnali lampanti che qualcosa non funziona. La colpa, in questo caso, è solo in parte attribuibile agli amministratori comunali e va quantomeno divisa con l’inciviltà di una parte dei residenti nella nostra città.
Scriviamo queste considerazioni mentre giunge la notizia - improvvisa - delle dimissioni dell’assessore ai servizi sociali Roberta Rusconi. Il sindaco ha parlato di una decisione dettata da motivi professionali. Ne prendiamo atto. Ma registriamo che si tratta del secondo caso di dimissioni per ragioni professionali dopo quelle dell’assessore al bilancio e vicesindaco Ezio Rana, arrivate pochi mesi dopo l’incarico assegnatogli dal sindaco nel 2012. Le dimissioni di questi due assessori non sono decisioni “leggere”, perché si tratta dei titolari dei due assessorati più importanti in questi anni di crisi. Forse i cittadini avrebbero meritato qualche spiegazione in più.


OMAGGIO AL DIALETTO

Il nuovo libro che la Società della Porta, editrice de “IL PONTE”, si accinge a pubblicare è un omaggio al dialetto di Sant’Angelo Lodigiano, che, come tutti sanno, presenta una notevolissima difformità, sia lessicale che di accenti, di intonazione e di cadenza, rispetto a tutti gli altri dialetti dei paesi circostanti e, in generale, ai dialetti del Lodigiano e del Pavese.
Il corpo principale e fondamentale della pubblicazione è costituito da 36 racconti brevi, scritti in dialetto, con traduzione in italiano a fronte, scelti fra quelli più adatti a restituire e fissare in modo sufficientemente fedele la forma del nostro linguaggio dialettale all’inizio del terzo millennio, offrendo, nel contempo, una memoria del nostro passato, documentata dalle testimonianze e dalle immagini, riportate e descritte nei racconti, di personaggi e di vicende di un tempo non tanto lontano.
I racconti pubblicati sono opera di Mario Bagnaschi (†), Carlo Vitaloni, Rino Bagnaschi, Angela Domenica Ferrari, Lucia Oppizzi, Lina Medetti, Marilena Fratti, Maria Luisa Confalonieri, Pinuccia Lavaselli Toscani, Paola Pievo con Carlo Ferrari.
Integrano il volume alcuni testi complementari, fra cui un Glossario costituito da 428 vocaboli di normale e corrente utilizzo nel lessico santangiolino, ma totalmente diversi dall’italiano e incomprensibili per chi non conosca il dialetto.
Il volume è stato curato da Angelo Pozzi.



... in breve
CITTA'
- La Fondazione Comunitaria premia quattro progetti
- Erba alta al Pilota, ancora proteste
COMUNE
- Villa Redentore, qualcosa si muove
- Materna pubblica, un passo avanti
- Interrogazione slot, la risposta del Comune


a cura di Maria Teresa Pozzi
Pillole di saggezza


MANGIA CHE TI FA BENE!
“Cüntèmla sü” Ricette mai scritte!


Sant’Angelo Calcio
Diario di bordo



Dal 1996 al servizio dei santangiolini
Oltre 1600 donazioni nell’anno del 62esimo anniversario
Avis, la grandezza del dono
E’ un elenco grande come il senso del donare, quello dei premiati che l’Avis celebra anche quest’anno al tradizionale appuntamento della Festa del Donatore. E per l’Avis di S. Angelo al Sessantaduesimo di fondazione, la sezione vede sempre una buona parte- cipazione e coinvolgimento della cittadinanza per quel gesto gratuito e volontario in cui si trova tutta la grandezza del dono, fosse anche soltanto una persona a farlo.
L’adesione qui, ha però i grandi numeri delle 1605 donazioni e 180 plasmaferesi, note certo positive, ma attente però a non cedere ai facili entusiasmi......................................... .....SEGUE

A palazzo San Cristoforo
nessun consigliere barasino

Nuova Provincia, Sant’Angelo resta fuori
Nessun rappresentante di Sant’Angelo all’interno del nuovo consiglio della Provincia di Lodi. Questo ha decretato la tornata elettorale di domenica 28 settembre, che ha portato al voto oltre duecento tra sindaci, assessori e consiglieri comunali del territorio della provincia di Lodi. Le elezioni per palazzo San Cristoforo si sono svolte con il cosiddetto voto ponderato: il voto di ogni singolo amministratore comunale aveva un peso differente
in base alla popolazione del comune di provenienza. Per fare un esempio pratico, il voto del sindaco di Lodi valeva molto di più rispetto a quello del primo cittadino di Maccastorna (il più grande e il più piccolo comune del territorio lodigiano). Così come il voto del sindaco di Sant’Angelo valeva molto di più rispetto a quello del collega di Corno Giovine. .........SEGUE



La POSTA
- Sosta selvaggia accanto allo stadio

Sessant’anni della “nuova casa”
dei pompieri volontari santangiolini


La Repubblica Italiana sui banchi di scuola
Torna il concorso organizzato da Anpi, Acli e Il Ponte-Società della Porta


Ritratto del medico santangiolino Giancarlo Bertolotti
In corsia con il passo da alpino

C’era una volta ... l’Albergo S. Antonio con stallazzo
Ricordi in bianco e nero


Inanse cul dialète - 7 ° elenco

Arte e memoria nel nostro cimitero,
museo a cielo aperto

Andar per mostre
La bellezza dell’arte in
Savarè e Fratti


Casabarasa lancia la sfida alla crisi
Animali senza aiuto
Memorie barasine
Miss Miradolo 1951,
una beffa riuscita a metà

“Integr…Azione!” con gli Scout
Le poesie di Enrico Vignati:
quando il dialetto fa del bene!

Per inserzioni riguardanti: lauree, ricorrenze, pubblicità.
Tel. 0371.90.179 (ore serali) o presso Libreria Centrale in Via Umberto I.
I contributi per "Il Ponte" possono essere versati direttamente sul conto corrente 73/93 presso la filiale di Sant'Angelo Lodigiano,
Largo Nino Bixio del Monte dei Paschi di Siena

Direttore Responsabile: Lorenzo Rinaldi
Redazione: Giancarlo Belloni - Gabriella Bracchi - Matteo Fratti
Maria Teresa Pozzi - Giorgio Mazza - Angelo Pozzi - Antonio Saletta
Fotografie: Emilio Battaini
Progetto Grafico: Pierino Caserini


Registrazione Tribunale di Lodi n. 271 del 22-1-1997